Sì al sole, ma senza esagerare!

Con queste prime giornate calde, piene di buon umore e di felicità, ci immaginiamo già in riva al mare, con un leggero venticello e i piedi nella sabbia, a prendere il sole. Il nostro caro amico sole, che per la pelle tanto caro non è. 

 

Il sole per noi è vita, è fonte di energia e non possiamo non ammettere i suoi innumerevoli effetti benefici sul corpo umano:

 

  • Stimola la produzione della vitamina D;

  • Aumenta le difese immunitarie;

  • Migliora il metabolismo;

  • Aiuta le prestazioni mentali;

  • Migliora l’umore, evitando la depressione.

     

Non tutti sanno che la tanto ambita tintarella altro non è che il modo con cui il nostro corpo si difende dal sole: la melanina, il pigmento stimolato dal sole e deputato alla protezione contro i raggi UV, è la responsabile dell’abbronzatura.

Ma come la maggior parte delle cose piacevoli, esporsi troppo al sole può causare danni irreversibili alla pelle. La conseguenza immediata dell’esporsi al sole senza un’adeguata protezione è procurarsi una bella scottatura, caratterizzata da rossore, infiammazione e vesciche. La scottatura può essere un po’ dolorosa e antiestetica, ma anche gli occhi possono essere danneggiati dal sole: gli effetti più frequenti sono la fotocheratite e la fotocongiuntivite, delle vere e proprie bruciature degli occhi. Il sole è anche responsabile della degenerazione dell’elastina e del collagene, le due proteine che conferiscono elasticità alla pelle. Quindi, care donne, troppo sole fa invecchiare troppo presto! E non è tutto. Ci sono effetti tardivi ben più dannosi: l’esposizione ai raggi UV è, infatti, uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo dei tumori della pelle.

Una regola c’è: sdraiarsi sul lettino, mettersi un’adeguata crema protettiva e via. Prendere il sole, sì, ma in modo responsabile!

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square

PANICHELLI HSC 

Iscritta all'Anagrafe Nazionale della Ricerca

Ministero dell'istruzione dell'Università e della Ricerca N°62407TUF

sede op. via Cinquefrondi 120 (Roma)

P. I. 14309031004